Most recent videos

Loading...

Wednesday, February 3, 2010

Iranian regime's Judiciary official announces imminent execution of 9 political prisoners (+ Italian translation)

Ebrahim Raeesi, First Deputy to the Iranian regime’s Judiciary Chief falsely claimed on Tuesday that the two political prisoners executed on January 28 had been arrested in "recent riots." Moreover, in a bid to create an atmosphere of fear and intimidation prior to the planned uprising on February 11, he added: "Nine others [detained protestors] will be executed soon." He emphasized that all the necessary measures to prevent “riots” on February 11 have already been taken.

Raeesi, a former member of the "death commission" and one of the mullahs’ main officials responsible for the massacre of 30,000 political prisoners in 1988, underlined "the firm actions of the Judiciary in dealing with rioters, those who disrupt people's security as well as those who target the foundation of the establishment." He said, "Our Judiciary has firmly marshaled all its forces and has placed the identification of the agents of the recent seditions on its agenda." He emphasized that "the Judiciary's approach is to deal with these cases as soon as possible" and "we will continue on the path of confronting rioters until the end and will root out the source of the sedition" (Fars News Agency, February 1, 2010).

The mullahs' criminal prosecutor has described the charges of the 11 political prisoners sentenced to death and some others who have been put on trial as "moharebeh [waging war on God] by way of supporting and having contacts with the People's Mojahedin Organization of Iran (PMOI/MEK), forming associations and collusion with the intention of criminal conduct disrupting the security of the country … propaganda against the establishment and in favor of the PMOI, enemies, and terrorists …"

The mullahs' regime is trying in vain to prevent the continuation, deepening and expansion of Iranian people's uprising by resorting to executions, imprisonment and torture. However, these crimes will only strengthen the Iranian people’s resolve to continue their uprising until the change of the regime in its entirety.


#################

ltalian translate by Denise Pilat:

Ufficiale del regime iraniano magistratura annuncia l'imminente esecuzione di 9 prisonersCondividi politica
Oggi alle 16,03
Ebrahim Raeesi, Vice-giudiziario del regime iraniano Chief falsamente su Martedì che i due prigionieri politici giustiziati il 28 gennaio era stato arrestato in "sommosse recenti". Inoltre, nel tentativo di creare un'atmosfera di paura e di intimidazione prima della rivolta prevista il 11 febbraio, ha aggiunto: "Nove altri [manifestanti arrestati] sarà eseguito al più presto." Egli ha sottolineato che tutte le misure necessarie per evitare "scontri" il 11 febbraio sono già state prese.
... See More
Raeesi, un ex membro della commissione "morte" e uno dei principali funzionari dei mullah 'responsabile del massacro di 30.000 prigionieri politici nel 1988, ha sottolineato "l'azione della magistratura ferma nel trattare con i rivoltosi, chi disturba la sicurezza delle persone, nonché come quelli che obiettivo della fondazione dello stabilimento ". Egli disse: "Il nostro sistema giudiziario ha fermamente marshalling di tutte le sue forze e ha messo l'identificazione degli agenti della sedizioni recenti all'ordine del giorno." Egli ha sottolineato che "l'approccio della magistratura è di trattare questi casi, il più presto possibile" e "continueremo sulla strada di affrontare rivoltosi fino alla fine e sradicare la fonte della sedizione" (Fars News Agency, February 1, 2010).

Procuratore penale dei mullah 'ha definito le accuse dei 11 prigionieri politici condannati a morte e altri che sono stati messi sotto processo come "moharebeh [guerra contro Dio] per mezzo di sostegno e di avere contatti con il People's Mojahedin Organization of Iran ( PMOI / MEK), formazione di associazioni e di collusione con l'intenzione di condotta criminale interrompere la sicurezza del paese ... propaganda contro la costituzione e in favore del PMOI, nemici e terroristi ... "

Il regime dei mullah 'sta tentando invano di impedire la prosecuzione, l'approfondimento e l'espansione della rivolta popolo iraniano ricorrendo alle esecuzioni, l'imprigionamento e la tortura. Tuttavia, questi crimini solo rafforzare la determinazione del popolo iraniano di continuare la loro rivolta fino a quando il cambiamento di regime nella sua interezza.
Contribuisci a una traduzione migliore


No comments:

Post a Comment